Visit my new blog

Visita il nuovo blog di maestra Marina -Visit my new blog

NUOVE IDEE SU

Scolasticamente insieme
http://http://scolasticamenteinsieme.blogspot.it//

giovedì 16 aprile 2009

Storia dei quattro mori, LA BANDIERA SARDA.





La bandiera inizialmente era legata alla Corona d'Aragona, e stava a rappresentare la Reconquista spagnola contro i Mori che occupavano buona parte della penisola iberica, infatti è composta dalla croce di San Giorgio, simbolo pure dei crociati che combattevano gli stessi Mori in Terra Santa, e le quattro teste rappresentavano quattro importanti vittorie conseguite dai catalano-aragonesi in Spagna, rispettivamente la riconquista di Saragozza, Valencia, Murcia e le Baleari. Successivamente divenne il simbolo del Regnum Sardiniae et Corsicae, infatti anche la bandiera corsa risale alla stessa epoca, e si impose poi in Sardegna con il passare del tempo. Da notare che il simbolo dei sardi che combattevano contro l'invasione catalano-aragonese era l'Albero sradicato della bandiera Arborense. Quindi i sardi combatterono un esercito straniero che portava uno stemma che paradossalmente in futuro diventerà loro. E' da notare però che è stato accettato dalla collettività in epoca recente, perché rappresentò per molto tempo l'invasore contro qui combattere, tanto che nei moti nel 1794 Giovanni Maria Angioy e i suoi sostenitori non lo utilizzarono come stemma della loro lotta antifeudale e indipendentista perché allora rappresentava il loro nemico, il Regno di Sardegna dei Savoia, e non dei sardi.

Altre possibili originiSecondo alcuni studiosi, la bandiera dei quattro mori potrebbe avere origine templare.Una legge regionale apposita nel 1999 portò, dopo studi approfonditi, a cambiare la bandiera dei quattro mori dalla versione del Regno Sardo-Piemontese a quella che orna tuttora un quarto dello stemma d'Armi della Provincia spagnola di Aragona ma con i mori opposti all'inferitura (significato: I sardi non devono più guardare e piangere, senza dimenticare, il passato ma pensare a costruire un futuro migliore per la Sardegna)

FONTE http://guasila.blogspot.com/

Nessun commento: