Visit my new blog

http://piccolascuolagaia.blogspot.com/









Attenzione i nuovi lavori sono su
PICCOLA SCUOLA GAIA
IL NUOVO BLOG!
Grazie a tutti i visitatori di questo blog per essere sempre così affezionati,
non rimproveratemi se non aggiorno qui i post,
infatti ho avvisato che mi sono trasferita in un altro blog di cui fornisco l'indirizzo in alto,
perciò seguitemi ...



Arrivederci!Vi aspetto su Piccola scuola gaia!
m.tra Marina

venerdì 17 aprile 2009

FESTA DELLA MAMMA



FIORI DA COLORARE


Una Mamma per tutte le Stagioni ( fonte : leggievai.it)
Ungheria, Portogallo e Spagna festeggiano a inizio maggio, la Francia a fine maggio, la Norvegia a febbraio, l’Argentina in ottobre. Panama e Indonesia festeggiano a dicembre, Costarica e Thaylandia in agosto.
Insomma la Festa della Mamma è disseminata lungo tutto l’arco dell’anno.
L’Italia fa festa alla mamma la seconda domenica del mese di maggio - quindi quest’anno l’11 maggio - , in compagnia di molte altre nazioni come Danimarca, Finlandia, Turchia, Australia e Belgio, sulla scia della data statunitense.
Infatti il fatto storico che ha dato origine alla festa della mamma è datato Stati Uniti, 12 maggio 1907.
Una certa Ana Jarvis di Philadelphia, per ricordare l’anniversario della morte di sua mamma, si diede da fare affinché la parrocchia di Grafton, nel West Virginia, celebrasse la memoria della mamma la seconda domenica di maggio.
Come simbolo della festa fu scelto il garofano, fiore preferito da sua mamma: rosso per le mamme in vita, bianco per le mamme scomparse.
Già l’anno successivo tutta Philadelphia festeggia la festa della mamma, e nel 1911 è pressoché festività nazionale in tutti gli Stati Uniti.
La delibera del Congresso del 1914 ufficializzò la seconda domenica di maggio come data per il “Mother’s Day“, per manifestare amore e gratitudine per le madri.
Il garofano è stato sostituito con la rosa rossa, per rappresentare l’amore dei figli e la bellezza delle mamme.
In effetti già anni addietro un’altra donna americana, la pacifista Julia Ward Howe, nel 1870 aveva pronunciato un discorso in occasione della Proclamazione del Giorno della Madre.
“I nostri figli non ci verranno sottratti affinché disimparino tutto quello che noi siamo state in grado di insegnare loro sulla carità, la pietà e la pazienza”, disse accorata, sottolineando l’importanza della maternità e del rispetto che meritavano le mamme alle quali le guerre sottraevano il bene più prezioso: i figli.
Se poi andiamo indietro all’antichità, scopriamo le radici della celebrazione della mamma, intesa come donna apportatrice di vita e fertilità, nei riti della “Grande Madre”.
Gli antichi Greci, secoli prima della nascita di Cristo, dedicavano alle madri la festa in onore della dea Rea, madre di tutti gli Dei.
La stessa Cibele che i Romani festeggiavano in maggio.Si festeggiava infatti l’arrivo della primavera e i fiori, in particolare le rose. Le “Floralie” in onore di Flora, dea dei fiori, erano un inno a Madre Natura.
La Chiesa più tardi convogliò i sentimenti di maternità, nascita e vita nel culto della Madonna, madre di Gesù.
Curioso il “Mothering Sunday”, istituito nel XVII secolo in Gran Bretagna.
La quarta domenica di Quaresima, chi lavorava lontano da casa poteva tornare dai genitori per stare con la mamma e portarle in dono un dolce, il “Mothering cake”, a base di frutta.
Concludiamo con un curioso studio svolto qualche anno fa dall’associazione “Save the Children”: in quali Paesi è più facile o difficile essere madri… e quindi bambini.
Tra i luoghi migliori per una felice maternità e per una infanzia serena risultano Svezia, Danimarca, Norvegia, Svizzera, Finlandia, Canada, Olanda, Australia e Gran Bretagna.Nel rovescio della medaglia gli stati con arretratezza sociale e conflitti armati, come Niger, Burkina Faso, Etiopia, Guinea-Bissau, Angola, Ciad, Mali, Yemen, Sierra Leone e Guinea.
Fa riflettere che gli Stati Uniti, dove è nata la festa della mamma, siano soltanto all’undicesimo posto.Forse fare i gendarmi del mondo non fa felici le mamme a stelle e strisce.
Certamente intorno alla Festa della Mamma fioriscono eventi, feste, dibattiti.
Soprattutto iniziative di solidarietà, a favore delle mamme e dei bambini.

4 commenti:

Angela ha detto...

Ciao maestra Marina
da quando ho scoperto il tuo blog e gli altri di zona li visito tutti, anche più volte al giorno, ti faccio i complimenti e ne approfitto per darti l'indirizzo del blog che ho creato io per la scuola dove lavoro ormai da 25 anni!!!
quanto sono vecchia!
un bacione a tutti i tuoi alunni
ciao maestra Angela B.
dimenticavo l'URL è
http://wwwinfanzialotzorai.blogspot.com/

Marina M. ha detto...

Che piacere , cara Angela B.!
La tua scuola mi ricorda il 1990,quando sono stata con voi per tre mesi, e il ricordo è ancora oggi vivo e colmo di tanto affetto per voi.So che qualcosa è cambiato nel tempo,ma so anche che quando si lavora con passione, e questi blog ne sono l'esempio,il tempo non conta.Grazie per il commento e vado subito a visitare il tuo blog!
un abbraccio anche alle colleghe!
m.Marina

giulia ha detto...

ciaooooooo complimenti per il vostro blog è bellissimoo!!!ciauuu Giulia....

Marina M. ha detto...

Ciao Giulia, grazie! sei gentile e spassosissima!!!
a presto ,
m.marina