Visit my new blog

http://piccolascuolagaia.blogspot.com/









Attenzione i nuovi lavori sono su
PICCOLA SCUOLA GAIA
IL NUOVO BLOG!
Grazie a tutti i visitatori di questo blog per essere sempre così affezionati,
non rimproveratemi se non aggiorno qui i post,
infatti ho avvisato che mi sono trasferita in un altro blog di cui fornisco l'indirizzo in alto,
perciò seguitemi ...



Arrivederci!Vi aspetto su Piccola scuola gaia!
m.tra Marina

giovedì 28 gennaio 2010

Grammatica : gli avverbi

Gli avverbi

Gentilmente concesso da laclassedeibalocchi.

Carnival time!!!

Quelli che ... in quarta seguono la lezione!!!




mercoledì 27 gennaio 2010

"Date, date quanto potete"-Dal diario di Anna Frank


Dal diario di Anna Frank
Date, date quanto potete


Non c'è bisogno di essere ricchi per far del bene, per incoraggiare, invece di
soffocare, il buono che c'è in ciascuno ai noi, per dare ai poveri la sensazione di
essere, anch'essi, degli esseri umani.
In tutto si può cominciare dalle piccole cose: per esempio, in tram non vi alzate solo per cedere il vostro posto a una elegante signora, ma fatelo anche per una donna mal vestita; scusatevi con premura anche se pestate i piedi a un poveraccio.
L'esempio è sempre seguito: cercate di essere voi a dare il buon esempio e vedrete che gli altri vi imiteranno. Un pò alla volta, il numero delle persone che diventeranno affabili, gentili, amichevoli, crescerh, sino a che la povera gente non sarà più guardata dall'alto in basso.
Oh, se potessimo esser già arrivati a questo punto, se il nostro paese, l'Europa, il mondo intero avesse compreso che, in sostanza, tutti abbiamo in noi dei sentimenti buoni e generosi l'uno verso l'altro,tutti siamo uguali e che ogni altra cosa è solo passeggera.
La maggior parte di noi, proprio come in tnte altre cose, cerca la giustizia dagli altri, e, si lamenta perché crede di non riceverne abbastanza.
Aprite gli occhi, assicuratevi di essre giusti voi stessi.
Date, date quanto potete, e potete sempre dar qualcosa, non.foss'altro che gentilezza.
Se tutti facessero così, se nessuno fosse avaro di una buona parola ci sarebbe, a questo mondo, più giustizia e più amore.

Giorno della memoria


"Son morto ch'ero bambino

son morto con altri cento

passato per un camino

e ora sono nel vento"

("Auschwitz" di Francesco Guccini)



Nel nome di...
Gli animali uccidono per difendersi o per procurarsi il cibo; l'uomo comune lo fa per appagare i propri istinti egoistici; l'intellettuale ... è la peggiore specie; non solo commette ( anzi, fa commettere) crimini atroci, ma per giustificarli tira in ballo etichette di comodo:
" Patria", " Libertà", "Razza", "Dovere", "Popolo"... "Dio".
Commettere un crimine " nel nome di..." non solo giustifica, anzi esalta ... e poi demanda ad altri (intoccabili, impalpabili, eterei) le proprie responsabilità! (...)
Hitler iniziò la seconda guerra mondiale "nel nome della razza ariana." (E commise, tra i silenzi colpevoli degli altri, i peggiori crimini dell'umanità!)
Finita la guerra, per quella martoriata terra di Palestina la parole "pace" non vuole arrivare. Due popoli vivono lì da tempo immemorabile; due popoli che si riconoscono nello stesso Patriarca e nello stesso Dio; due popoli che da sempre sono in contrasto e in lotta tra di loro.
Nel 1947 l'ONU cercò di risolvere il problema: "due stati per due popoli, politicamente divisi, economicamente uniti."
Nel 1948 gli Ebrei fondarono lo stato di Israele; i Palestinesi ancora aspettano di realizzare il proprio sogno... e dall'una e dall'altra parte la risposta è odio, guerra, attentati, blitz e MASSACRI.
Così, in nome del SIONISMO e dell'ANTISIONISMO... la "BELVA UMANA" continua a fare stragi.

Io sono convinto che l'uomo non è uscito, ancora, dalle caverne ataviche, e che viviamo nella preistoria dell'umanità .

Quando finirà tutta questa violenza?

La risposta, fratello, vola nel vento.

http://www.nelvento.eu/nelvento.htm
GRAZIE a Pino.

sabato 23 gennaio 2010

Il fuoco di Sant'antonio




Buon sabato ! In Sardegna stasera si sono accesi i fuochi in onore di Sant'Antonio(anche se il giorno festivo ricade in realtà il 17 gennaio) : la popolazione è invitata a degustare le fave col lardo mentre nell'aria ,resa festosa dal suonatore di fisarmonica, si diffondono le scintille purificatrici e ben auguranti. Altre tradizioni , contrastanti, legate all'evento recitano che
1) chi accende il fuoco potrebbe morire entro l'anno, quindi chi lo accende è un temerario!
2) se il fuoco fatica a divampare è di cattivo auspicio;
3) alcuni carboni del fuoco benedetto dal parroco,portati a casa saranno di buon augurio per le famiglie;
$) infine prima dell'accensione del fuoco , il parroco benedice gli animali che vengono portati alla manifestazione.
Occorre ricordare infatti che Sant'Antonio , oltre che portatore del fuoco agli uomini secondo un'antica leggenda, è anche il protettore degli animali.
Credenze e festosità sono condite con un buon bicchiere di vino!!! Felice serata!
Marina

domenica 17 gennaio 2010

Sant'Antonio


In Sardegna, nel Logudoro, si racconta questa leggenda.
Una volta nel mondo non c'era il fuoco. Gli uomini avevano freddo ed andarono da Sant'Antonio, che stava nel deserto, per implorarlo perchè facesse qualcosa per loro. Sant'Antonio ebbe compassione e siccome il fuoco era all'inferno, decise di andare a prenderlo.
Col suo porchetto e col suo bastone di férula, Sant' Antonio si presentò, dunque, alla porta dell'inferno e bussò: - Apritemi! Ho freddo e mi voglio riscaldare. I diavoli alla porta videro subito che quello non era un peccatore, ma un Santo e dissero: - No, no! Ti abbiamo riconosciuto! Non ti apriamo. Se vuoi lasciamo entrare il porchetto, ma te proprio no.
E così il porchetto entrò.
Ma appena dentro, l'animale si mise a scorrazzare con una tale furia da mettere lo scompiglio ovunque, tanto che i diavoli, ad un certo punto, non ne poterono proprio più. Finirono perciò per rivolgersi al Santo, che era rimasto fuori dalla porta.- Quel tuo porco maledetto ci mette tutto in disordine! Vientelo a riprendere.
Sant'Antonio entrò nell' inferno, toccò il porchetto col suo bastone e quello se ne stette subito quieto. - Visto che ci sono, - disse Sant'Antonio, - mi siedo un momento per scaldarmi. E si sedette su un sacco di sughero, proprio sul passaggio dei diavoli. Infatti, ogni tanto, davanti a lui ne passava uno di corsa. E Sant'Antonio, col suo bastone di fèrula, giù una legnata sulla schiena! Ad un certo punto i diavoli, arrabbiati, esclamarono: - Questi scherzi non ci piacciono. Adesso ti bruciamo il bastone. Glielo strapparono di mano e ne fìccarono la punta tra le fiamme.
Il porco, in quel momento, ricominciò a buttare all'aria tutto: cataste di legna, uncini, torce e tridenti. E i diavoli avevano un bel da fare a mettere a posto. Non ci riuscivano e non riuscivano neppure ad acchiappare quel... diavolo di porchetto. - Se volete che lo faccia star buono, - disse Sant'Antonio, - dovete ridarmi il mio bastone. Glielo restituirono ed il porchetto stette subito buono.
Ma il bastone era di fèrula ed il legno di fèrula ha il midollo spugnoso. Se una scintilla entra nel midollo questo continua a bruciare di nascosto, senza che di fuori si veda. Così i diavoli non si accorsero che Sant'Antonio aveva il fuoco nel bastone.
Quando il Santo se ne uscì, i diavoli tirarono un sospiro di sollievo. Appena fu fuori, Sant'Antonio alzò il bastone con la punta infuocata e la girò intorno, facendo volare le scintille, come dando la benedizione. E cantò: - Fuoco, fuoco, per ogni loco; fuoco per tutto il mondo fuoco giocondo!
Da quel momento, con grande contentezza degli uomini, ci fu il fuoco sulla Terra e Sant'Antonio tornò nel suo deserto a pregare.

Candelora



Candelora
Madonnina di Candelora
in cammino di buon' ora,
perché vai casi pianino
col tuo bimbo sopra il cuore?
Vado al Tempio del Signore;
vado piano, o mio bambino,
per non farlo risvegliare:
tanta strada c'è da fare!
-Ecco al tempio già arrivati:
donna povera è Maria,
bimbo povero è Gesù...
ma che luce di lassu!
Ma che canto nella via!
Sulla via del Paradiso,

La Candelora è una festa religiosa che cade proprio il 2 febbraio. La Chiesa Cattolica celebra, quaranta giorni dopo il Natale, la Purificazione di Maria e la Presentazione del Signore. Il giorno, diventato poi della Candelora, cadendo a metà inverno, aveva già indotto gli antichi a fare previsioni sul tempo. Da qui l’ origine di proverbi come questo:

"Quando vien la Candelora
de l'inverno semo fora;
ma se piove o tira il vento
de l'inverno semo dentro."

Fu detta la festa "delle candele" dai romani , Candelora. Il rituale consisteva in una processione con la benedizione dei ceri, simbolo del battesimo che purifica dal peccato originale. I ceri erano poi conservati in casa ed accesi per ottenere una purificazione divina.
La candelora segue i giorni della merla, e secondo queste leggende ...
Gennaio aveva ventotto giorni ed era il mese più freddo dell’anno. Giunto al ventottesimo giorno, un merlo, rallegrato, gridò al cielo: “Più non ti curo Domine, che uscito son dal verno”. Gennaio vendicò la bestemmia facendosi prestare tre giorni da febbraio e rendendoli ancora più gelidi.

Gli ultimi tre giorni di gennaio, 29-30-31, sono tradizionalmente considerati i giorni più freddi dell’inverno. Secondo la leggenda, sono chiamati della merla perché, per ripararsi dal gran freddo, una merla si rifugiò con i suoi merlottini in un comignolo, e ne emersero il primo febbraio tutti neri. E neri furono i merli da quel momento, perché prima erano bianchi.

La Candelora indica un momento di passaggio, tra l'inverno buio e la primavera,luce e risveglio.
Per gli americani la marmotta annuncia l'arrivo o meno della primavera. Il 2 febbraio viene chiamato il "giorno della marmotta" che viene fatta uscire dalla sua tana ,ma se vede la sua ombra quella torna subito dentro e l'inverno continuerà per altre sei settimane.



venerdì 15 gennaio 2010

Un costume veramente a costo zero!!!



Il filmato è in inglese , ma osservando i movimenti si deduce facilmente il modo in cui , utilizzando una semplice t-shirt bianca, ottenere un costume facile facile ed economico!!!

Cuori di tutte le dimensioni: San Valentino è vicino

San Valentino







Ritagliando cuori su cartoncino rosso...

variando le dimensioni.....


...si può dare sfogo alla fantasia e inventare di tutto:
cards, animaletti, cuori su cuori ...



..e creare un biglietto per San Valentino originale!!!

Maschere da colorare : Carnevale dallo spazio



mercoledì 13 gennaio 2010

IL MIO OROSCOPO OGGI


Mercoledi, 13 Gennaio
E' un'ottima giornata se si parla di vita pratica, poiché le stelle sono attive nel campo del denaro e della realizzazione materiale. Sfrutta l'influenza della Luna per fare il punto della situazione. La convivenza con il fortunato Giove avra' lasciato ai nati in Acquario una scia di eventi favorevoli che si rispecchieranno positivamente anche su questo anno appena iniziato. Prosegui per la tua strada con ottimismo e fiducia:le stelle sono concordi nel favorirti.

Che c'è di più?

venerdì 8 gennaio 2010

Materiale integrativo su gli Egizi.




Ecco dei link , dove potete leggere ulteriori notizie sugli Egizi :
(cliccando vi troverete immersi in altre pagine ,quindi dpo averle lette cliccate sulla freccia in alto a sinistra,indietro, per tornare al blog)

ULTIME NOTIZIE!!!

http://www.lastampa.it/multimedia/multimedia.asp?p=1&IDmsezione=29&IDalbum=23378&tipo=VIDEO#mpos

http://www.aton-ra.com/flash06/html/faraoni.htm

http://www.itctosi.va.it/SPECIALI/tosi/societ%C3%A0/Ilfaraone.html

In questa pagina troverai appena apri altri titoli interessanti come la scuola, l'aldilà, ecc..

mercoledì 6 gennaio 2010

lunedì 4 gennaio 2010

Chi è la Befana?


Tutte le domande sula Befana ,alle quali finalmente si trova la risposta
segui il percorso al seguente link,
scorri fino in fondo per le risposte...buon divertimento!!!