Visit my new blog

http://piccolascuolagaia.blogspot.com/









Attenzione i nuovi lavori sono su
PICCOLA SCUOLA GAIA
IL NUOVO BLOG!
Grazie a tutti i visitatori di questo blog per essere sempre così affezionati,
non rimproveratemi se non aggiorno qui i post,
infatti ho avvisato che mi sono trasferita in un altro blog di cui fornisco l'indirizzo in alto,
perciò seguitemi ...



Arrivederci!Vi aspetto su Piccola scuola gaia!
m.tra Marina

sabato 20 dicembre 2008

ED ecco l'albero di Natale


La leggenda dell'albero di Natale
Alla Vigilia del Natale, un ragazzo si recò nel bosco per cercare un ceppo di quercia da bruciare nel camino, così come era tradizione nel suo villaggio.Però, attardatosi, si perse durante una fitta nevicata. Per ripararsi dalla neve si rifugiò sotto l'unico albero ancora verdeggiante, in mezzo a tutte le altre piante spoglie. Quell'albero era l'abete.Il ragazzo, infreddolito e impaurito, si raggomitolò ai piedi del tronco e si addormentò. L'albero si impietosì e per meglio ripararlo abbassò i suoi rami fino a terra, quasi a formare un riparo per proteggerlo dalla neve e dal freddo.Al mattino il ragazzo fu svegliato dalle voci dei suoi compaesani che lo stavano cercando. Solo dopo aver gioito per il ritrovamento, tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che la natura aveva creato: la neve, posandosi sui rami dell'abete, aveva formato decorazioni scintillanti che, insieme ai tanti ghiaccioli, brillavano alla luce del sole.Così l'abete venne preso come simbolo del Natale e in tutte le case ancora oggi lo si decora e lo si illumina per ricreare lo spettacolo sfolgorante che apparve in quel bosco ai contadini, la mattina di Natale.Da allora anche gli abeti nelle foreste mantennero la caratteristica di piegare i rami verso il basso.

Nessun commento: