Visit my new blog

http://piccolascuolagaia.blogspot.com/









Attenzione i nuovi lavori sono su
PICCOLA SCUOLA GAIA
IL NUOVO BLOG!
Grazie a tutti i visitatori di questo blog per essere sempre così affezionati,
non rimproveratemi se non aggiorno qui i post,
infatti ho avvisato che mi sono trasferita in un altro blog di cui fornisco l'indirizzo in alto,
perciò seguitemi ...



Arrivederci!Vi aspetto su Piccola scuola gaia!
m.tra Marina

giovedì 30 luglio 2009

QUINTA PROPOSTA :RACCONTI ON LINE



Il giardino (di Marina Natalini)

Nel giardino pubblico di una grande città viveva una famiglia di gatti: la mamma gatta con tre gattini. Il giardino era pieno di fiori e piante di ogni specie; c’era anche una fontana dove i gattini, facendo attenzione a non caderci dentro, bevevano.
C’era la statua di un santo, che sembrava guardasse tutti con benevolenza.
Di giorno i gatti se ne stavano tranquilli nel loro rifugio, perché c’era troppa gente che andava nel giardino: i bambini che correvano e giocavano, le mamme e i papà che passeggiavano, gli uomini che sedevano a chiacchierare all’ombra delle piante… e così i gatti, non conoscendoli, non si fidavano di gironzolare. Però, quando arrivava la sera e il sole andava a dormire, anche le persone tornavano a casa, si chiudevano i grandi cancelli, si accendeva un grande lampione e i gattini uscivano con mamma gatta dai loro nascondigli e si rincorrevano tra le aiuole e si arrampicavano sugli alberi. Erano i padroni del giardino e a loro si univano altri gatti. Arrivava un grosso gatto e si metteva a parlare con mamma gatta. Poi arrivavano altre gatte e si raccontavano dove erano andate durante il giorno: avevano portato anche i loro piccoli a giocare con i tre gattini. La notte si sentivano tranquilli; tutto quel bel giardino era loro e la statua del santo li guardava con affetto. I micini spesso andavano ad accucciarsi ai suoi piedi e si sentivano tutti in pace.
Con il passare delle ore arrivava il giorno, si riaprivano i cancelli del grande giardino e allora tutti i gatti, stanchi del gran giocare, andavano a dormire.
FONTE:http://www.controluce.it/giornali/a11n08/21-breviracconti-iraccontidinonnamarina.htm

Nessun commento: